Navigation Menu+

CHIUSURA MESE DEL DOCUMENTARIO

Siamo davvero lieti di condividere il successo de Il Mese del Documentario, giunto al termine venerdì 15 febbraio con una calorosa cerimonia di premiazione presso la Casa del Cinema di Roma, sede dell'intera rassegna. L’eccezionale partecipazione del pubblico, che ha riempito le sale durante le quaranta proiezioni proposte fra il 7 gennaio e il 10 febbraio con una media di più di cento spettatori a sera, conferma l’impegno di Doc/it nel promuovere e nell’affermare il documentario in Italia.

La rassegna ha raggiunto un totale di presenze in sala di più di 3000 spettatori, registrando spesso il tutto esaurito.
Il pubblico, grande protagonista dell'iniziativa, ha potuto votare i film, esprimendo un alto gradimento per tutti i dieci titoli proposti, sia per i cinque fra i migliori documentari internazionali del Doc.International sia per i cinque film finalisti al Doc/it Professional Award votati dall’Academy e proposti quest'anno all’interno della manifestazione.

Gli organizzatori Emma Rossi Landi, Christian Carmosino e Alessandro Rossi si sono detti felici e commossi del successo della manifestazione.

Ad aggiudicarsi il Premio Doc/It Professional Award come miglior documentario italiano dell’anno è il film Bad Weather del regista Giovanni Giommi, storia di un isola-bordello del Bangladesh. Prodotto da Heino Deckert-uno dei più autorevoli e influenti produttori europei, e proiettato nei Festival di tutto il mondo, il film di Giommi ha superato nomi autorevoli quali Stefano Savona con il suo Tahrir Liberation Square, già vincitore del David di Donatello e del Nastro d’Argento, che nella competizione si è aggiudicato però ilPremio del Pubblico e il Premio AAMOD. Ha letteralmente sbaragliato la concorrenza ottenendo quasi il massimo del punteggio disponibile il documentario israelo-palestinese ora candidato all’Oscar 2013 Five Broken Cameras di Emad Burnat e Guy Davidi, vincitore del concorso dedicato ai documentari internazionali Doc.International.
Da segnalare è il premio per un valore di 30.000 euro offerto da Microcinemache garantirà la distribuzione nelle sale per almeno 100 proiezioni e la tenitura di una settimana in sala: il premio è stato assegnato a The Dark Side of the Sun di Carlo Shalom Hintermann. Anche Claudia Cipriani si porta a casa due premi con il suo Lasciando la Baia del Re: il premio Augustuscolor in servizi di postproduzione e il premio di distribuzione home video offerto faCinemaitaliano.info.

A L’estate di Giacomo di Alessandro Comodin, il terzo classificato al Doc/it Professional Award, è andato il premio AMG: al regista verranno offerti 2500 euro di mezzi di ripresa.

Freakbeat di Luca Pastore si è attestato quinto, ricevendo la lente d’argento simbolo della Manifestazione.

Il Mese del Documentario si è concluso a Roma il 15 Febbraio us con una cerimonia di premiazione che ha visto la partecipazione di un grande pubblico di professionisti ed appassionati del documentario italiano.

Per leggere tutti i premi del Mese del Documentario: http://ilmese2012.documentaristi.it/premi/

MATERIALI STAMPA

Di seguito è possibile scaricare i materiali del Mese del Documentario: Progamma pieghevole, Poster, Press Kit e Comunicati Stampa

SCARICA IL

PRESS KIT MESE DEL DOC

Programma Pieghevole mese doc

Poster-Mese Doc A3